IL GOVERNO DEL QUÉBEC PARTECIPA ALL’AMBIZIOSO PROGETTO SATELLITARE DI TELESAT

Lightspeed è un progetto di sistema di comunicazione satellitare pilotato dalla società canadese Telesat valutato a CAD 6,5 miliardi. Partner nel progetto è la  società italo-francese Thales Alenia Space alla quale sarà affidata la produzione dei satelliti che saranno progettati e costruiti in Québec. L’annuncio è stato dato dal governo provinciale che ha confermato la sua partecipazione finanziaria con uno stanziamento di CAD 450 milioni, di cui 250 milioni in prestiti e 200 milioni in azioni privilegiate. La provincia francofona potrà contare su CAD 1,8 miliardi di investimenti. 

Telesat, società canadese di comunicazioni satellitari della provincia dell’Ontario a capo del progetto, costruirà infatti diverse strutture a Gatineau per la gestione e il monitoraggio delle operazioni, mentre MDA, subappaltatore del progetto, amplierà gli stabilimenti a Sainte-Anne-de-Bellevue per la produzione di antenne.

La nuova costellazione di satelliti (298 in tutto)  mirerà a offrire Internet ad alta velocità e rete mobile in aree remote, prima nel Québec e in Canada e poi nel resto del mondo.

Fonte: La Presse

QUÉBEC INTRODUCE DEI CRITERI AMBIENTALI ALLE GARE D’APPALTO COMUNALI

Il governo provinciale del Québec promulgherà una nuova legge per facilitare l’inclusione dei criteri ecologici nei bandi di gara comunali, in modo tale da rendere più verdi e sostenibili gli appalti pubblici e per favorire la scelta delle imprese locali nell’aggiudicazione di questi ultimi.

Il 18 febbraio 2021 Andrée Laforest, ministra des Affaires municipales et de l’Habitation (degli affari municipali e dell’edilizia abitativa) ha comunicato in commissione parlamentare che comuni e aziende di trasporto potranno adottare una politica di acquisizione che tenga conto dei principi dello sviluppo sostenibile e della protezione ambientale.

Le regole del commercio internazionale vietano, con alcune eccezioni, di favorire un’impresa nazionale, ma è del tutto legale, secondo la ministra, di favorire i prodotti che provengono da energie rinnovabili.

Gli emendamenti al nuovo progetto di legge andranno infatti a modificare i codici municipali, le normative sulle aree metropolitane di Montrèal e Québec e quelle riguardanti il trasporto pubblico locale e gli appalti pubblici.

Fonte: La Presse

AL VIA UNO STORICO PROGETTO DI ENERGIA EOLICA NELLA PROVINCIA DEL QUÉBEC

Il governo provinciale del Québec e la comunità Innu hanno annunciato una partnership storica per la costruzione del parco eolico Apuiat.

Il progetto, valutato a CAD 600 milioni e di una capacità di generazione elettrica di 200 MW, si inserisce all’interno delle misure di transizione energetica attuate dal governo provinciale per la ripresa economica del Québec.  La nuova versione del progetto, infatti, prevede una riduzione del 17% nel prezzo dell’elettricità rispetto a quello presentato nel 2018.

L’accordo concluso prevede la sottoscrizione di un contratto di 30 anni tra Hydro-Québec Production e Parc éolien Apuiat S.E.C., impresa detenuta congiuntamente dalle comunità Innu e Boralex, per l’acquisto di energia elettrica che sarà prodotta nel parco eolico Apuiat, con un costo di circa 6 ¢ al Kilowattora.

Il nuovo parco eolico sarà costruito sul territorio della Uashat mak Mani-utenam First Nation e su suolo pubblico nella città di Port-Cartier della regione Côte-Nord.

Fonte: ReNew Canada

GARE E APPALTI PUBBLICI. ATTIVITÀ DI FORMAZIONE PROMOSSA DALLA UE

Il Canada e l’UE hanno implementato l’accordo economico e commerciale bilaterale (CETA) poco più di tre anni fa. Un capitolo significativo dell’accordo CETA riguarda l’apertura reciproca delle politiche e delle opportunità in materia di appalti pubblici tra le due parti.

In tale contesto, la delegazione dell’UE in Canada prevede di offrire una sessione di formazione online alle imprese europee, in particolare alle PMI, interessate alle opportunità che offrono gli appalti pubblici in Canada. Questa sessione di formazione si svolgerà nella primavera 2021 e si concentrerà sulle esigenze dei partecipanti con consigli pratici. Allo scopo di conoscere gli argomenti di maggiore interesse per le aziende partecipanti, la Delegazione Ue ha preparato quindi un breve questionario disponibile online all’indirizzo:
https://forms.gle/eFCZAbKBoX7hygdc9

Fonte: EU Delegation to Canada

QUÉBEC: PASSA LA LEGGE PER ACCELERARE I PROGETTI INFRASTRUTTURALI

L’assemblea nazionale del Québec ha approvato il progetto di legge 66, che permette di accelerare l’avanzamento di 180 progetti infrastrutturali nella Provincia. Si tratta di progetti come la costruzione di case per anziani, scuole, strade e il prolungamento della linea blu della metropolitana di Montréal.

La legge prevede che i progetti in questione beneficeranno di una riduzione delle procedure burocratiche necessarie per l’inizio dei lavori, incidendo così significativamente sui tempi di realizzazione. Questa iniziativa è destinata ad aiutare la Provincia a riprendersi dalla crisi economica legata alla pandemia.

Fonte: La Presse

LANCIATO IL PORTALE EXPORT.GOV.IT

Lanciato lo scorso settembre, il nuovo portale www.export.gov.it è uno strumento interattivo che riunisce in un unico spazio virtuale le informazioni necessarie alle imprese esportatrici e gli strumenti di sostegno all’internazionalizzazione messi a disposizione dal Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale, ICE Agenzia, SACE e SIMEST.

Il portale, nato da un progetto del MAECI e realizzato con il concorso tecnico di SACE ed ICE, rappresenta uno degli elementi qualificanti della strategia di rilancio confluita nel Patto per l’Export, presentato dal Ministro degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale, Luigi Di Maio, lo scorso 8 giugno.

In particolare, il portale export.gov mette a disposizione delle imprese una piattaforma informativa gratuita, all’interno della quale gli operatori possono accedere ai contenuti in modo sequenziale passando attraverso le fasi dell’export e dell’internazionalizzazione, proposte in un intuitivo percorso in 7 passi (prepararsi a esportare; identificare i Paesi target; pianificare l’ingresso nel mercato; promuovere e digitalizzare il business; negoziare il contratto commerciale; gestire il rischio e la liquidità; continuare a crescere) oppure selezionare direttamente l’argomento d’interesse dal menu di navigazione. In una fase successiva, il Portale sarà integrato con l’aggiunta di contenuti relativi ai servizi di sostegno all’export approntati dalle Regioni e dal sistema delle Camere di Commercio.

NUOVO CONTRATTO PER BONATTI

Il gruppo emiliano Bonatti International, tramite la controllata canadese Pacific Atlantic Pipeline Construction (PAPC) si è aggiudicato il contratto per la costruzione del segmento 5 (lungo 82 km) del gasdotto Coastal Gaslink in British Columbia.

L’azienda è già impegnata nei lavori sul progetto Coastal Gaslink in quanto aveva ottenuto nel 2018 un contratto per la realizzazione dei segmenti 6 e 7 (che coprono una distanza totale di 165 km) del gasdotto. Attraverso questa nuova aggiudicazione il valore totale del giro d’affari in Canada si attesta per Bonatti a circa 800 milioni. Questi contratti valorizzano un’intera filiera industriale “Made in Italy” nella quale sono coinvolte un centinaio di imprese emiliane.

Il progetto Coastal Gaslink fa parte del maxi-progetto LNG Canada che prevede la costruzione di un gasdotto di 670 km per il trasporto di gas naturale dal nord-est della British Columbia verso l’impianto di liquefazione di Kitimat, situato sulla costa pacifica

PIANO DA 10 MILIARDI PER LA CANADA INFRASTRUCTURE BANK

Il governo federale canadese ha annunciato un nuovo piano da 10 miliardi di dollari per la Canada Infrastructure Bank (CIB), che potrà così partecipare attivamente alla ripresa economica post pandemia. Il piano prevede lo stanziamento di 2,5 miliardi per le energie pulite; 2 miliardi per estendere la rete internet ad alta velocità; 2 miliardi per migliorare l’efficacia energetica degli edifici; 1,5 miliardi per dei progetti di irrigazione agricola; 1,5 miliardi per implementare le flotte di autobus elettrici.

Queste nuove aree di intervento si inseriscono nel piano strategico della CIB – il “Growth Plan” – e i 10 miliardi saranno presi dal budget già assegnato alla banca, che ammonta a CAD 35 miliardi.

La CIB è una società di stato (crown corporation) creata nel 2017 con il mandato di investire in nuovi progetti di infrastrutture pubbliche e di attrarre capitali privati e istituzionali per la realizzazione di questi progetti. I settori di investimento prioritari della CIB sono i trasporti, il commercio, le infrastrutture e l’internet ad alta velocità.

Informazioni: https://cib-bic.ca/en/growth-plan/

INIZIATI I LAVORI DI SICIM SULLA TRANS MOUNTAIN EXPANSION

Dopo oltre due anni dall’aggiudicazione dell’appalto, sono stati avviati i lavori sulla sezione North-Thompson del progetto Trans-Mountain Expansion, una tratta dell’oleodotto lunga 200 km realizzata dal consorzio italo-canadese Ledcor-SICIM.

Il progetto di espansione dell’oleodotto Trans Mountain pipeline, valutato ad un totale di CAD 12,6 miliardi prevede l’aumento delle capacità dell’oleodotto esistente dagli attuali 300.000 barili al giorno a 890.000 tramite la costruzione di 980 km di nuove condutture lungo il percorso dell’oleodotto esistente. L’oleodotto trasporta petrolio dai giacimenti petroliferi della zona di Edmonton in Alberta fino a Burnaby in British Columbia, dove il greggio viene esportato per via marittima. 

La sezione North Thompson è uno dei tratti più complessi del progetto, per causa del terreno montuoso e le condizioni meteorologiche difficili. L’aggiudicazione da parte della SICIM di questo contratto conferma le importanti capacità delle imprese italiane nel settore delle infrastrutture legate all’industria petrolifera.

Fonte: Trans Mountain

RIMOSSI I DAZI USA SULLE IMPORTAZIONI DI ALLUMINIO CANADESE

Le autorità statunitensi hanno annunciato la revoca della tariffa del 10% imposta sulle importazioni di alluminio canadese, nel momento in cui Ottawa si preparava ad annunciare una serie di misure di ritorsione. Le tariffe sull’alluminio canadese saranno revocate retroattivamente dal 1° settembre.

L’amministrazione americana ha tuttavia avvertito che se le importazioni nei prossimi quattro mesi supereranno il 105 % del volume mensile anticipato da Washington, la tariffa del 10 % verrà applicata retroattivamente su tutte le spedizioni effettuate in quel mese.

Le tariffe sull’alluminio erano state rimosse lo scorso maggio per aprire la strada all’accordo commerciale CUSMA, per essere poi reintrodotte un mese dopo l’entrata in vigore dell’accordo. 

Fonte: Global News, Agenzia Nova